Indagini geognostiche a mare

Esecuzioni di indagini geognostiche a mare propedeutiche alla caratterizzazione dei sedimenti del Porto Rifugio di Gela

Completamento delle opere di protezione e consolidamento della diga Foranea del porto isola di Gela

Carico su motopontone della sonda perforatrice condotta sulle diverse postazioni di sondaggio

Nell’ambito del “Completamento delle opere di protezione e consolidamento della diga Foranea del porto isola di Gela“, il team (n. 1 RdC, n. 1 Tecnico Campionatore , n. 3 Tecnici Sondatori) della divisione geotecnica settore “indagini in situ” della Sidercem s.r.l. ha eseguito, su incarico della società Impresa di Costruzioni Ing. E. Mantovani S.p.A., le indagini geognostiche necessarie a caratterizzare i sedimenti del Porto Rifugio di Gela.

 

Descrizione del servizio e modalità operative

L’indagine comprendeva l’esecuzione di tre sondaggi geognostici a mare, eseguiti a carotaggio continuo, necessari al campionamento del banco di sedimenti presenti all’imbocco della diga foranea e in un areale a meno di un miglio in direzione sud-est dalla diga foranea.

Attraverso i sondaggi, è stato investigato il banco di sedimenti per uno spessore rispettivamente di 2.00 m, 1.50 m e 0.70 m.

Per l’esecuzione delle attività di carotaggio è stata impiegata la perforatrice idraulica TECNOTUNNELL TS 80 avente una coppia di 850 kgm, attrezzata con un carotiere semplice da 101 mm, accessoriato con delle corone dotate di specifiche molle che hanno consentito il prelievo del materiale in condizioni difficili.

La perforatrice è stata caricata su un motopontone – la cui stazza ha attenuato i fenomeni di beccheggio e rollio conseguenti al moto ondoso – che ha condotto la trivella sulle diverse postazioni di sondaggio.

Il materiale prelevato è stato apposto, evitando contaminazioni con attrezzature di perforazione e con l’esterno, in apposite cassette catalogatrici in pvc.

Eseguendo il metodo della quartatura, per ciascun campione, in modo preservarne l’omogeneità, è stato conservato in 4 contenitori di vetro da 500 ml e 3 contenitori sterili da 120 ml, chiusi ermeticamente ed etichettati, indicando la sigla del sondaggio e la profondità di prelievo.

I contenitori, così ottenuti, sono stati inseriti all’interno di borse frigo al fine di mantenerne bassa la temperatura e successivamente trasportati ai laboratori ufficiali per essere analizzati secondo quanto richiesto dall’ente appaltante dei lavori principali.

Ciascun campione è stato sottoposto ad analisi di tipo mineralogico, granulometrico, chimico e batteriologico.

Indagini in situ per caratterizzare i sedimenti del Porto Rifugio di Gela

Fase di posizionamento per esecuzione sondaggio a carotaggio continuo

Quartatura campioni del materiale prelevato apposto in apposite cassette catalogatrici in pvc

Quartatura campioni del banco di sedimenti presenti all’imbocco della diga foranea