Campagna di indagini sul “Viadotto Ritiro”, dell’autostrada A20 Messina-Palermo, nelle due carreggiate, nord e sud per la definizione delle residue capacità prestazionali della struttura.

Ispezione per definizione delle residue capacità prestazionali della struttura

Accesso all’impalcato con passerella mobile – Punto di vista dal By-Bridge

La Sidercem s.r.l., su incarico dell’impresa Tecnolavori s.r.l. di Palermo, ha provveduto ad eseguire la campagna di indagini sul “Viadotto Ritiro”, dell’autostrada A20 Messina-Palermo, nelle due carreggiate, nord e sud. L’indagine si è resa necessaria, al fine di stabilire le residue capacità prestazionali della struttura.

Per l’esecuzione del servizio si sono alternati diversi gruppi di lavoro (per un totale di n. 8 tecnici impiegati) e attrezzature – che fanno interamente parte del patrimonio aziendale della Sidercem s.r.l. – coordinate da un ingegnere Responsabile di Cantiere.

Nel corso dell’indagine sono stati acquisiti i dati utili per la caratterizzazione dei materiali, per la definizione dei fenomeni di degrado con relativa individuazione delle possibili cause, e per la stima delle caratteristiche prestazionali residue del manufatto. La campagna di indagini necessarie a determinare tutti i parametri utili ad una corretta definizione delle capacità prestazionali residue dell’opera, è stata suddivisa in due fasi: una di campagna ed una di laboratorio.

La fase di campagna, al fine di ottenere il maggior numero di dati possibili senza essere oltremodo invasivi nei riguardi degli elementi strutturali, si è articolata attraverso l’esecuzione di prove semidistruttive quali il prelievo di carote di calcestruzzo e prove non distruttive mediante l’esecuzione di prove sclerometriche, di pull-out con innesti post-inseriti e rilievi microsismici in situ.

La campagna di indagine di situ è stata caratterizzata dallo sviluppo delle seguenti prove:

  • analisi del livello di degrado dell’armatura di precompressione mediante saggi ispettivi;
  • prelievo di ferri d’armatura per la determinazione della resistenza a trazione negli elementi strutturali in c.a.;
  • prelievo di carote di calcestruzzo F 80 e 100 mm su cui eseguire la determinazione dei parametri fisico – meccanici;
  • rilievi microsismici in situ ed indagine sclerometrica per la determinazione della resistenza del calcestruzzo;
  • prove di pull-out con innesti post-inseriti per la determinazione della resistenza del calcestruzzo;
  • determinazione della profondità di carbonatazione sulle carote prelevate;
  • prove di carico dinamiche per definire i parametri dinamici e le residue capacità prestazionali del manufatto.

Campagna di indagini prestazioni struttura

Prelievo campioni di calcetruzzo – UNI EN 12390-1

Indagini in situ - Prove di carico dinamche

Preparazione prove di carico dinamiche – Automezzo in movimento